KARATE CUS BERGAMO ASD

Taiso

Il Taiso si può dividere in tre momenti principali: prima della lezione, dopo la lezione, parallelamente alla stessa in giorni differenti.

Gli scopi saranno anch’essi differenti.

  1. Prima della lezione infatti avremo l’obiettivo di riscaldare e preparare tutte quelle parti del corpo che saranno soggette ad un utilizzo violento e ad impatto, quale l’esecuzione di tecniche o kata ad alta velocità.
    Serve per il riscaldamento muscolare prima dell’allenamento, ogni muscolo viene interessato, con leggeri esercizi aerobici come la corsa e saltelli, e poi riscaldamento partendo dalla testa e scendendo man mano verso il basso spalle, braccia, gambe, fino alle dita dei piedi.
  2. Dopo la lezione privilegeremo l’attività di allungamento e defaticamento.
    In questa fase verranno eseguiti degli esercizi di stretching mirati all’allungamento e al defaticamento della muscolatura contratta e affaticata. Il movimento lento e continuo favorisce l’eliminazione dell’acido lattico prodotto durante l’allenamento.
  3. In sedute dedicate, sempre in giornate differenti dalle normali sedute di allenamento, dovremo dedicarci al potenziamento della nostra struttura osteo-scheletrica e dell’apparato muscolare. Dedizione particolare va data ovviamente al potenziamento dei muscoli di spinta (tricipite, quadricipite femorale, etc) senza però perdere di vista l’allenamento di muscoli antagonisti, complementari o fondamentali all’allenamento. Molti atleti, infatti, dimenticano di allenare molte parti del corpo dedicandosi a quelle di maggiore attenzione e fruizione, con maggior rischio di traumi derivanti dall’utilizzo asimmetrico di muscoli quali il grande gluteo, i dorsali o semplicemente i deltoidi.

Attenzione alla respirazione:
L’acquisizione del “fiato” è certo di primaria importanza.

Nessun progresso è possibile senza un’eccellente forma respiratoria.

Ogni Karateka deve potersi allenare per un tempo abbastanza lungo senza ansimare.

Un altro punto fondamentale è la padronanza del ritmo respiratorio coordinato agli attacchi ed alle difese. In questi esercizi viene riservata molta importanza alla respirazione che essendo in armonia con il movimento, permette oltre che alla ben nota funzione di ricambiare ossigeno, di preparare la mente ad essere più tranquilla possibile in armonia con il corpo.